Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
l'importanza di essere FELICE

C'è davvero bisogno che ve lo dica?

"l'ALGEBRA degli AFFETTI!"

Pubblicato su 17 Novembre 2012 da Felice M. Campolo

La doppia negazione dà sempre un risultato positivo, immagino lo sappiate già! Ciò che, forse, sottovalutate ancora è il fatto che l'espressione più concreta di questo concetto abbia ben poco a che fare con l'algebra e con la morfologia. La testimonianza più efficace, infatti, rientra nella dimensione affettiva, sia a livello fonetico sia a livello retorico.

Proviamo insieme: Non+No= Nonno...

Penso che questa sia l'operazione matematica (inconsapevole) più amata, apprezzata anche da chi ha pochissima dimestichezza con le materie scientifiche...

Ovviamente, il risultato "Nonno" non va visto nella sua specificità di sostantivo comune maschile di persona, ma nella sua generalità di individuo, uomo o donna poco importa, che ama i figli e i figli dei figli, che è rivelazione del passato, astuccio protettivo del presente e sostegno del futuro...

Non so quanti di voi abbiano ancora la fortuna di viverli, io godo di quei bei tempi che furono attraverso i ricordi: un'infanzia, un'adolescenza e l'incipit della mia prima maturità con Felice, Raffaele, Olimpia e Giuseppina (questi i nomi dei miei nonni), quei quattro angeli benedetti adesso, che continuo a vedere, non per forza mirando un cielo stellato, ma guardando il volto dei miei genitori...

Questo post non va assolutamente letto come la turbolenza nostalgica di un'anima inquieta, ma come un dolce pensiero rivolto a chi si concede (o si è concesso) a noi nella sua totale saggezza, gratuitamente, supplendo talvolta a ruoli genitoriali, riscattando così gli errori dell'inesperienza...

Non potevo attendere il 2 Ottobre, la loro festa istituzionale, per rammentarne l'importanza, ecco perché ho tratto spunto dallo stesso suono del loro titolo, NONNO, per sottolineare il loro profumo di "crostata, pipa e caramelle Rossana". Dopotutto, sono un tipo romantico e di ogni cosa che mi circonda ho una visione piuttosto poetica, per questo motivo vedrò sempre in un nonno la positività incondizionata prodotta da un'allitterazione "semanticamente negativa"!

Un Consiglio? Nel caso in cui siano ancora tra di voi, dopo la lettura di queste righe, fate loro un colpo di telefono... qualora siano già passati a miglior vita, non vi è periodo migliore del week-end per sfogliare un vecchio album fotografico...

Felici Memorie, amici miei! :-*

"l'ALGEBRA degli AFFETTI!"
Commenta il post

gina 11/18/2012 23:29

mai provato gli affetti dei nonni ma vedo mio figlio come guarda i suoi nonni e capisco che grande cose è l'amore in tutti i gradi...

domenico 11/17/2012 17:47

.......... e per me anche quel profumo a cannella che assorbiva completamente i miei sensi non appena entravo nel "sacro" salone di nonna Annunziata....... quel profumo che ancora oggi, a quasi 40 anni, mi riporta a gioire del suo ricordo!!!!

Katia 11/17/2012 15:53

Non passa giorno che io non ricordi i miei nonni, ma queste tue parole, oggi, mi hanno permesso di sentirli un po' più vicini... che grande risorsa sono stati, potenzialmente infinita, ma sostanzialmente troppo breve. Mi unisco con la preghiera a tutti coloro che, dopo aver letto questo tuo post, si rifugeranno in nostalgico silenzio nel ricordo dei proprio nonni, se privi della fortuna di averli ancora al proprio fianco.