Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
l'importanza di essere FELICE

C'è davvero bisogno che ve lo dica?

doni di donna

Pubblicato su 8 Marzo 2015 da Felice M. Campolo in esercizi allegorici

doni di donna

Oggi ricorre la festa delle donne. Io, che son figlio di una di loro, desidero omaggiarle in questa maniera, nel modo a me più congeniale, con un c'era una volta, una fiaba senza tempo...

Così:

… e semmai a Sua immagine il buon Dio li creò, non li fece maschio e femmina, ma femmina e maschio li creò.

Ve la racconto io una storia differente, lontanamente diversa anni luce dalla tradizione, un’alternativa plausibile alla millenaria banalità storica.

In vero, il Signore Iddio plasmò la donna con la polvere del suolo e all’interno delle sue vergini narici alitò il soffio della vita.

E la donna diventò essere vivente.

“Non è bene che la donna resti sola! Desidero concedere un ausilio che le sia quanto più simile!” – Disse il Sovrano dei cieli.

Invano, però, cercò tra le creature già forgiate un valido supporto, quanto più somigliante alla sua opera prima… ma nulla, nient’altro che mostri marini e pennuti volatili primitivi.

Così, come per licenza poetica, plasmò con la costola, che precedentemente aveva tolta alla donna, un uomo e lo condusse alla donna.

Con la sua costola, frammento di astuccio che sa di umano e divino, la donna passò i suoi pensieri più sciocchi, le beghe e i fardelli esistenziali (sia ben chiaro quelli di poco conto) al compagno appena creato. Per se stessa tenne le pesantezze fisiche e metafisiche di arcana memoria.

La donna, in seguito, disobbedì al suo Creatore, nutrendosi del frutto proibito, perché famelica di conoscenza e l’uomo per fame o, peggio ancora, perché gliel’aveva detto lei…

Da allora, mentre la donna paga col sangue il suo sacrificio, di mese in mese per tutta la stagione della fecondità, l’uomo invece ha un pene, che spesso usa per colmare i vuoti del suo cuore e, superficialmente, soltanto alcuni della donna!

La morale di questa storia, come di tutte le novelle al mondo, è muliebre, che senso ha parafrasare l'ovvio?

Viva le Donne!

Commenta il post

Simmy 03/08/2015 15:09

Sempre superlativo!
Quoto! :*